Secondo la Corte di Giustizia Europea sono legittime le norme nazionali che limitano il cabotaggio nell’autotrasporto.

Secondo la Corte di Giustizia Europea sono legittime le norme nazionali che limitano il cabotaggio nell’autotrasporto.

Con la recente sentenza del 12 aprile 2018 la Corte di Giustizia ha aperto un grande spiraglio contro il cabotaggio illimitato” esercitato dai vettori esteri, riconoscendo piena validità alla normativa di attuazione della Danimarca che prevede l’impossibilità, nei trasporti di cabotaggio, di poter utilizzare diversi punti di carico e scarico merci.
cabotaggio

Il trasporto di cabotaggio è da tempo argomento di discussione in ambito Europeo. Con il Regolamento UE n. 1072/2009 articolo 8, si era cercato di dare un indirizzo, purtroppo non dirimente della questione, secondo cui si possono eseguire solo 3 operazioni di cabotaggio nel termine temporale di 7 giorni.
Ebbene con la sentenza del 12 aprile 2018, la Corte di Giustizia si è espressa in termini di assoluta novità sul tema, riconoscendo piena validità a quanto disposto dalla Danimarca con la sua normativa di attuazione. La Danimarca, infatti, ha ritenuto fosse necessario porre dei limiti che non permettessero ai vettori stranieri operanti in Danimarca di poter effettuare una serie infinita di trasporti andando così contro quel concetto di temporaneità insito del cabotaggio. Con tale disposizione, quindi, ha previsto che nel proprio territorio non si potessero utilizzare, nei trasporti di cabotaggio, più punti di carico e più punti di scarico. Secondo l’interpretazione danese, dare la possibilità di poter avere un numero illimitato di punti di carico e scarico avrebbe inevitabilmente pregiudicato il carattere temporaneo di questa tipologia di trasporti privando di fatto di ogni significato il limite massimo di 3 trasporti teoricamente consentiti.
La Corte di Giustizia Europea, consapevole che gli Stati membri dell’Unione possano adottare delle misure personalizzanti per l’attuazione di un regolamento europeo (anche se ogni regolamento di per sé produce effetti immediati) si è espressa con favore alla norma attuativa adottata dalla Danimarca sulla questione.
Con tale pronuncia, si apre oggi uno spiraglio per l’attuazione, anche in Italia, di normative che possano maggiormente tutelare i vettori nazionali dal grave pregiudizio economico che subiscono dalle numerosissime imprese estere che effettuano trasporti “di cabotaggio” a costi nettamente inferiori sul territorio nazionale.

Le Competenze dello Studio


Contenzioso AGEA
Azioni Antitrust



Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

Precedente

Subscribe to our mailing list

* indicates required