Cartello dei produttori di ceramiche sanitarie e rubinetteria

Cartello dei produttori di ceramiche sanitarie e rubinetteria

Sanitari

Il 23 giugno 2010 la Commissione Europea ha sanzionato 17 imprese operanti nel settore delle installazioni e degli accessori per bagni, per un totale complessivo di € 622 milioni.

La Commissione ha accertato l’esistenza di un cartello segreto durato almeno 12 anni, nel periodo compreso tra gli anni 1992 e 2004.

L’intesa illegittima ha coinvolto le maggiori imprese del settore, quali Cisal, Mamoli, RAF, Teorema, Zucchetti, Grohe, Ideal Standard, Hansa e Masco.

Il Cartello

In violazione delle norme a tutela della concorrenza le imprese partecipanti al cartello hanno coordinato degli aumenti dei prezzi sia su base annuale sia in determinate circostanze particolari (come l’entrata in vigore dell’Euro), fissando altresì prezzi minimi e sconti e scambiandosi informazioni commerciali sensibili.

Il cartello ha avuto a oggetto i seguenti gruppi di prodotti: rubinetterie, articoli sanitari in ceramica e box doccia.

Da un punto di vista geografico il cartello ha riguardato sei Stati Membri: Italia, Austria, Germania, Paesi Bassi, Belgio e Francia.

Conclusioni

Possono agire per ottenere il risarcimento del danno tutte le imprese che nel periodo oggetto d’infrazione (1992-2004) abbiano acquistato direttamente o indirettamente rubinetterie, articoli sanitari in ceramica e box doccia dalle aziende partecipanti all’intesa restrittiva della concorrenza.

Per maggiori informazioni:
Avv. Giovanni Scoccini g.scoccini@scoccinistudio.it

Le Competenze dello Studio


Contenzioso AGEA
Azioni Antitrust



Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook

Precedente